Guardo il governo Monti e mi assale un dubbio. La saggezza popolare ci dice che chi sa fa, chi non sa insegna. Lo dico da docente, quindi mi sto facendo cattiva pubblicità, ma questo ci porta anche a conclusioni poco lusinghiere su un esecutivo fatto quasi solo ed esclusivamente da professori. Negli anni ottanta, tuttavia, se ben ricordo, Renzo Arbore reinterpretò il proverbio come segue: chi sa, fa; chi non sa, insegna; chi non sa insegnare, fa il professore di educazione fisica; chi non sa fare il professore di educazione fisica, fa il preside; chi non sa fare il preside, fa il provveditore; chi non sa fare il provveditore, fa il ministro della pubblica istruzione. Con questo sistema, pur trattandosi sempre di gente che non sa, possiamo dire che abbiamo al governo persone con 4 livelli di incompetenza in meno.

Come stanno realmente le cose?

Annunci