Tag

, , , , ,

Julia Holter è una musicista indipendente e piuttosto sperimentale di 29 anni, di cui scriverò diffusamente quando avrò trovato le parole per farlo. È una che ha registrato i suoi primi due dischi quasi interamente nella sua camera da letto, da sola. E ha tirato fuori, soprattutto col secondo, “Ekstasis”, qualcosa di nuovo, diverso, interessante, affascinante e completamente, assurdamente spiazzante. Genio vero.

Su internet girano delle preview del suo terzo album, “Loud city song”, in uscita il 19 agosto. Chiunque sia alla ricerca di qualcosa di diverso dal solito, faccia una cosa: svuoti la mente e poi ascolti, ascolti, ascolti. Più di una volta, ché al primo tentativo si può facilmente restare perplessi.

E mi faccia sapere.

 

Annunci