Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Mi sono preso qualche giorno prima di scrivere qualcosa sulla liberazione di Greta e Vanessa per due ragioni: primo, volevo avere il tempo di riordinare le idee e formarmi un’opinione, secondo desideravo vedere fino a quanto poteva scendere in basso il dibattito pubblico sull’argomento ed a che livello di squallore potesse arrivare gente intitolata a nulla i cui sproloqui hanno risonanza solo perché hanno il merito di aver leccato il culo giusto al momento giusto. Ecco dunque alcune considerazioni sparse sulla faccenda.

1. La voce che è girata subito è che l’Italia abbia pagato un riscatto, secondo fonti non precisate di 12 milioni di dollari, che sulla stampa italiana sono diventati immediatamente 12 milioni di euro, perché l’euro vale più del dollaro e la cifra deve essere ingigantita per alimentare le polemiche. Ora, l’Italia ha notoriamente la fama (meritata o meno che sia) di pagatrice, e questo dovrebbe far riflettere chi di dovere su un eventuale rovesciamento del rapporto di causa ed effetto, ossia che è lo stato italiano a mettere eventualmente a repentaglio la sicurezza dei suoi cittadini in terra straniera facendo sapere che in caso di rapimento i rapitori saranno compensati, non viceversa.

2. Una volta girata la voce del riscatto lo sciacallaggio è partito in tutto il suo splendore: mi piacerebbe sapere cosa certi figuri avrebbero detto se Greta e Vanessa fossero state decapitate, magari con video fatto girare su internet. Tipo che il governo italiano non era stato in grado di salvarle?

3. Giova ricordare che la decapitazione davanti ad una macchina da presa è la fine che hanno fatto un paio di ostaggi nelle mani dell’ISIS qualche mese fa. Giova anche ricordare che allora le rispettive famiglie se la presero in prima istanza con i loro governi, che a loro detta non avevano fatto abbastanza per riportare i loro cittadini in patria. Questo però è meglio rimuoverlo dal dibattito.

4. Non male la teoria che con questo ipotetico riscatto si sarebbe aiutato l’ISIS, quando a chiunque si sia documentato per più di venti secondi è chiarissimo che lo Stato Islamico è molto ben finanziato, al punto da potersi permettere armi americane di ultima generazione, mentre i Curdi vanno avanti con quelle rubate dai vecchi arsenali di Saddam. Ma siccome quelli che si informano sono pochi, gli sciacalli hanno gioco facile.

5. Greta e Vanessa sono due giovani che erano andate in Siria a fare volontariato, forti di una certa esperienza, per idealismo. Un idealismo probabilmente ingenuo, forse bizzarro, magari anche malato, ma sempre idealismo. Leggere gente che si muove solo ed esclusivamente quando il capo ordina o ci sono in ballo montagne di soldi e potere che le insulta è una roba da vomitare.

6. Qualcuno ha detto che adesso Greta e Vanessa dovrebbero subire un pignoramento e lavorare gratis fino a quando non avranno ripagato lo stato italiano della cifra spesa per tirarle fuori da un guaio in cui si erano cacciate da sole. Attendo il primo che condivide questa posizione che fa un incidente in auto dopo aver infranto qualche norma del codice della strada, per poi chiedergli di lavorare gratis per rifondere le spese mediche che hanno gravato sulla collettività.

7. Oppure vogliamo parlare del tempo per il quale personaggi che hanno intascato mazzette per miliardi di euro facendo moltiplicare indefinitamente i costi di opere come il MOSE, il TAV e la Salerno-Reggio Calabria o paralizzato la sanità in diverse regioni, peraltro in modo del tutto consapevole e volontario, dovrebbero servire in ginocchio sui ceci ardenti ogni singolo cittadino italiano?

8. Berlusconi coi suoi 8 milioni di frode fiscale accertati da sentenza passata in giudicato (più i non so nemmeno quanti prescritti) prevede di rifondere lo stato italiano? Gasparri e Salvini prevedono di chiedergli di farlo? Con la stessa insistenza, la stessa strafottenza e lo stesso tono aggressivo e diffamatorio con cui parlano di Greta e Vanessa?

9. Di uno squallore inqualificabile poi le insinuazioni a sfondo sessuale, roba da machismo da burletta, che pure viene ostentato e portato sul bavero da chi lo pratica. Non varrebbe nemmeno la pena parlarne, mi limito a sottolineare come, se si fosse trattato di due mercenari coinvolti in storie di donne, le stesse persone avrebbero plaudito al maschio italiano che si fa valere in trasferta e magari converte le donne musulmane alla causa occidentale a colpi di minchia.

10. Che schifo. Veramente, che schifo.

Annunci